Bce: attenzione a normalizzazione rendimenti obbligazionari

di Valentina Cervelli Commenta

La Bce inizia a mettere sugli attenti Stati membri ed investitori: bisogna fare attenzione alla normalizzazione dei rendimenti obbligazionari che gradualmente prenderà il via a breve, questo perché il rischio di una brusca reazione dei mercati è molto alto.

Si parla di un cambio di aspettative sulla futura politica monetaria dell’istituto centrale europeo in fin dei conti, sul quale la stessa Bce ha deciso di “avvertire”: non si può dimenticare che nel Consiglio del prossimo 8 giugno si inizieranno le manovre di discussione delle modalità di comunicazione delll’uscita dallo stimolo monetario. Come si legge all’interno della Financial Stability Review della Banca Centrale Europea:

Una normalizzazione graduale dei rendimenti obbligazionari nell’area euro in tandem con il miglioramento delle prospettive di crescita economica sarebbe vantaggiosa dal punto di vista della stabilità finanziaria. Vi sono tuttavia dei rischi che i rendimenti possano salire bruscamente senza un miglioramento simultaneo delle prospettive di crescita.

Ovviamente questo porterebbe a sensibili perdite di capitale per coloro che detengono delle obbligazioni ed i costi di finanziamento più alti di alcuni governi relativi agli stessi ovviamente andrebbero ad influenzare il debito pubblico e privato e la loro sostenibilità. L’incertezza politica è ancora una volta uno dei fattori più pericolosi, dato che di solito corrisponde ad un ritardo della messa in atto delle riforme strutturali e per quanto si voglia far finta che questo non riguardi nessuno di specifico, l’Italia purtroppo presenta tutta una serie di caratteristiche che la mettono a maggior rischio da questo punto di vista. Non resta che aspettare per scoprire come andrà a finire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>