Antitrust, i fornitori luce e gas indagati

di Valentina Cervelli Commenta

L’antitrust ha stilato una lista di fornitori di energia elettrica che ha messo sotto indagine dopo le segnalazioni ricevute dai consumatori, in merito alle modifiche di contratto unilaterali. Scopriamo insieme quali sono e cosa viene loro contestato.

Quattro i fornitori indagati dall’Antitrust

Prima di procedere bisogna fare però un passo indietro. Attraverso il Decreto legge Aiuti bis il Governo ha limitato le modifiche ai prezzi dell’energia elettrica e del gas fino al prossimo 30 Aprile 2023. Un modo per tentare di arginare aumenti esagerati all’interno delle bollette energetiche.

Il problema qual è? Alcuni utenti si sono lamentati di modifiche unilaterali del contratto che risulterebbero non solo onerose ma anche in contrasto con quanto deciso dal decreto.

Ecco quindi che l’Antitrust avviato quattro istruttorie nei confronti di quattro fornitori specifici.  Iren e Iberdrola per quel che riguarda il gas e ON e Dolomiti per quel che concerne l’energia elettrica. Secondo il Garante della concorrenza e del mercato le quattro aziende avrebbero proposto modifiche ai contratti in modo non corretto.

Per quel che riguarda Iberdrola e On viene contestata la comunicazione con la quale è stato riferito ai consumatori come la risoluzione del contratto di fornitura per eccessiva onerosità sopravvenuta sarebbe stata unica alternativa. Di cosa? Del non accettare un contratto economico nuovo con condizioni non vantaggiose.

Dolomiti viene chiamata in causa invece per l’asserita efficacia delle comunicazioni di modifica unilaterale perché inviate prima dell’entrata in vigore del Decreto. Secondo lo stesso possono essere valide solo quelle applicate in effettivo prima della sua entrata in vigore. Per Iren è scattata l’istruttoria per via della comunicazione legata all’asserita scadenza delle offerte a prezzo fisso, dando un contestuale prospetto di condizioni economiche di offerta peggiori come alternativa alla recessione del contratto.

Richieste informazioni anche ad altre aziende

Queste appena citate sono quelle per le quali è partita un’istruttoria da parte dell’Antitrust. Il garante ha però chiesto informazioni ad altre venticinque società per verificare che anche le stesse non abbiano agito nello stesso modo. Ecco la lista:

  • A2A Energia
  • Acea Energia
  • AGSM ENERGIA
  • Alleanza Luce & Gas
  • Alperia
  • AMGAS
  • ARGOS
  • Audax Energia
  • Axpo Italia
  • Bluenergy Group
  • Duferco Energia
  • Edison Energia
  • Enegan
  • Enel Energia
  • Engie Italia
  • Eni Plenitude
  • Enne Energia
  • Estra Energie
  • Hera Comm
  • Illumia
  • Optima Italia
  • Repower Italia
  • Sinergas
  • Sorgenia
  • Wekiwi.

L’Antitrust è intenzionato a verificare che non vi siano atti contro legge perpetrati nei confronti dei consumatori. Questi, tra inflazione e aumento delle bollette e dei servizi hanno visto crollare la loro capacità di spesa. Un problema non di poco conto in ogni settore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>