Amaro Averna verso la quotazione

di Redazione Commenta

L‘amaro Averna, uno dei liquori storici delle tavole italiane, potrebbe presto sbarcare in Borsa. A darne intuizione è il mandato, alla Vitale & Associati, al fine di vagliare le opzioni dispnibili e scegliere la migliore opportunità di sviluppo, con l’ingresso di nuovi soci di minoranza. L’obiettivo del gruppo (che fattura 200 milioni di euro, in gran parte in Italia) è quello di trovare un fondo che punti sul finanziamento della crescita internazionale, eventualmente anche attraverso acquisizioni societarie.

I 200 anni di storia dell’amaro Averna potrebbero così collimare con un – per certi versi – inatteso sbarco a Piazza Affari. Il tutto dovrebbe tuttavia passare attraverso l’ingresso nel capitale sociale di uno o due soci di minoranza che possano, con capitale fresco, sostenere la crescita internazionale. Ad esser oggetto di potenziale individuazione, un fondo di private equity specializzato in investimenti in piccole e medie azienda, con obiettivo temporale non di brevissimo termine.

Difficile, ad ogni modo, stabilire un timing della transazione. E’ tuttavia probabile che la famiglia Averna, che controlla la società e che è oramai giunta alla quarta generazione, possa puntare a una prima quotazione nel prossimo anno. Molto dipenderà – oltre che dall’individuazione di soci di minoranza solidi interessati all’operazione – anche dallo stato di salute dei mercati finanziari, che proprio nel 2013 potrebbero giungere a un contesto più favorevole per una IPO.

I soci attuali sarebbero pronti a diluire la propria posizione nel capitale sociale, ed hanno dato mandato a Vitale & Associati affinchè lo studio di consulenza possa studiare tutte le soluzioni possibili.

La società produce oggi l’amaro omonimo e, grazie a una serie di acquisizioni compiute negli ultimi 20 anni, la grappa friuliana Villa Frattina, l’amaro valtellinese Braulio, il Limoncello di Sorrento, il Nocino di Modena, diversi whiskey e rhum. Nel 1995 la società è entrata nell’alimentare rilevando la Pernigotti di Novi Ligure.

Seguiremo l’evoluzione di questa interessante operazione societaria anche nel corso dei prossimi mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>