leonardo.it

Irlanda: il ministro Lenihan avverte gli obbligazionisti senior

 
Simone
2 febbraio 2011
Commenta

Il ministro delle Finanze irlandesi, Brian Lenihan, non ha usato mezzi termini per descrivere la situazione in cui versano i bond della nazione nordeuropea: il suo principale avvertimento è andato soprattutto agli obbligazionisti senior dei titoli bancari, i quali dovranno condividere tutte le paure collegate al salvataggio finanziario di Dublino. Come se non bastasse, l’ingresso di un nuovo esecutivo potrebbe mietere ulteriori “vittime” dal punto di vista economico. Le elezioni sono previste per il prossimo 25 febbraio e l’impegno di Fianna Fail, il partito dell’attuale premier Brian Cowen, è quello di rinegoziare completamente l’accordo di sostegno da 67,5 miliardi di euro lanciato da Ue e Fmi. Perché questi obbligazionisti godono di una protezione così bassa?


Anzitutto, questi soggetti detengono delle obbligazioni che impegnano a ripagare a scadenza il debito e, inoltre, hanno la precedenza nei rimborsi in caso di default. La domanda di rendimenti extra da parte degli investitori per quel che riguarda i bond decennali del governo irlandese è aumentata quasi di quattro volte nel corso del 2010; in aggiunta, lo spread relativo al debito della Germania è circa nove volte superiore alla media dell’ultimo decennio. Nessun partito, però, si è al momento preoccupato di spiegare nel dettaglio il modo in cui queste persone dovranno confrontarsi con i prestatori.

Il nuovo esecutivo che verrà fuori dalle urne dovrebbe optare con tutta probabilità per degli sconti superiori ai novanta punti percentuali sul debito junior; secondo Société Générale, poi, il peggiore scenario possibile prevede che gli investitori facciano fronte a sottoscrizioni superiori ai 29 miliardi di euro. In base alla legge vigente in Irlanda, gli obbligazionisti senior sono trattati alla stregua dei depositanti: sono ben 77 milioni gli euro relativi al debito bancario che rischia di essere rimborsato, ma difficilmente un nuovo governo sarà in grado di trasferire in maniera unilaterale tutti i sottoscrittori di obbligazioni di tipo senior.

Articoli Correlati
YARPP
Allied Irish Bank, gli obbligazionisti sono pronti a citare l’Irlanda

Allied Irish Bank, gli obbligazionisti sono pronti a citare l’Irlanda

Allied Irish Bank, un nome, ma non una garanzia: lo sanno bene ormai gli obbligazionisti che hanno sottoscritto titoli della banca commerciale irlandese, i quali stanno approntando una citazione giudiziale […]

Cirio, Lehman e Parmalat: quali consigli per gli obbligazionisti?

Cirio, Lehman e Parmalat: quali consigli per gli obbligazionisti?

Risarcimenti, rimborsi, autotutela: sono queste le parole che circolano maggiormente nelle menti degli obbligazionisti in possesso dei bond protagonisti dei crack che hanno sconvolto negli ultimi anni l’universo degli investimenti […]

Cds: per Italia e Irlanda premi più alti sull’eventuale default

Cds: per Italia e Irlanda premi più alti sull’eventuale default

Come è noto, la piazza finanziaria in cui vengono scambiati i Credit Default Swap (conosciuti anche con l’acronimo Cds) fornisce una panoramica chiara e precisa sull’andamento delle diverse obbligazioni governative […]

Irlanda: la situazione finanziaria potrebbe cancellare le aste dei titoli

Irlanda: la situazione finanziaria potrebbe cancellare le aste dei titoli

Tra i cosiddetti paesi PIGS, l’Irlanda è forse quello di cui si parla di meno, ma il mondo degli investimenti deve fare attenzione a ciò che accade nella piccola repubblica; […]

Banco Popolare: prestito obbligazionario senior a due anni

Banco Popolare: prestito obbligazionario senior a due anni

Nell’ambito del proprio programma EMTN, Euro Medium Term Note, il Gruppo Banco Popolare ha reso noto d’aver lanciato un prestito obbligazionario senior, con scadenza a due anni, per un controvalore […]

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento