Previsioni STMicroelectronics

di robertor Commenta

Un fitto giro di indiscrezioni e di precisazioni ha riguardato l’azienda italo francese STMicroelectronics nella giornata di ieri. Una rete talmente spessa che il management della compagine è dovuto intervenire a mezzo stampa (tramite il transalpino Les Echos) puntualizzando le notizie comparse sul suo eventuale riassetto. La nota diffusa precisa come “i due azionisti di controllo di ST-Ericsson, joint venture paritetica tra STMicroelectronics ed Ericsson, stanno lavorando insieme ad un advisor esterno per garantire il miglior futuro possibile alla jv”. Una dichiarazione piuttosto ampia, che non chiarisce in maniera netta i rumors precedentemente ribaltati sui media.

Les Echos aveva infatti lanciato a gran voce la possibilità che potesse essere affidato un mandato da ST-Ericsson a JP Morgan nel corso dello scorso mese di agosto, con l’obiettivo di vagliare possibili opzioni strategiche alla ricerca di soluzioni per le proprie perdite nette. In materia, tra le opzioni disponibili sulle scrivanie della società, il giornale transalpino aveva indicato la ricerca di un partner, la vendita dell’azienda in più blocchi o la reintroduzione di alcune attività nella casa madre. Tre alternative piuttosto differenti tra di loro, e dall’incidenza altrettanto divergente, che gli analisti avevano iniziato a commentare in maniera insistente nelle ore successive.

Il comunicato pubblicato nella giornata di ieri fornisce tuttavia qualche spunto interpretativo utile. “Sia STMicroelectronics sia Ericsson” – prosegue infatti la nota – “supportano ST-Ericsson nell’opera di trasformazione e continuano a credere nella società e nel suo ruolo strategico nel settore per rendere possibile l’ecosistema dei ‘connected devices’”. La nota afferma altresì che la joint venture aveva annunciato ad aprile il proprio piano strategico e attualmente si trova “a metà dell’esecuzione dell’opera di trasformazione della società, che mira ad abbassare il break even point (punto di pareggio)”.

Abbiamo parlato diverse volte, negli ultimi trimestri, degli andamenti di STM. Qui un nostro approfondimento sull’entità del dividendo attribuito nel corso dell’esercizio precedente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>