Obbligazione Sisal da 275 milioni di euro

di Redazione Commenta

È iniziato ieri, e proseguirà fino al 7 maggio, il roadshow di presentazione del bond high yield Sisal. Una serie di incontri con investitori istituzionali che stanno coinvolgendo le principali piazze finanziarie europee, e che sono finalizzate a convincere gli ultimi indecisi sulla validità dell’emissione obbligazionaria del gruppo specializzato in lotterie e scommesse, che punta a emettere titoli di debito per 275 milioni di euro.

Il bond Sisal sarà collocato da Deutsche Bank (lead), da Banca Imi, da Credit Agricole, da Mizuho, da Rbs e da Unicredit, con il supporto dello studio legale Latham & Watkins per quanto concerne le parti bancarie, e dai legali di Linklaters e Cravath, Awaine & Moore per quanto concerne Sisal.

Stando alle caratteristiche del titolo, il bond sarà emesso dalla Sisal Holding spa, la holding del gruppo, sarà senior secured, avrà scadenza settembre 2017 con un’opzione call dopo 18 mesi e un dimensionamento – già sopra ricordato – di 275 milioni di euro, molto meno rispetto agli attesi 500 milioni di euro.

Lo scopo dell’emissione è piuttosto chiaro: cercare di ottenere il capitale necessario per rifinanziare una parte delle linee bancarie senior che compongono il pacchetto di finanziamenti che era stato originano con il secondary buyout del gruppo per i fondi Apax e Permira, che nel 2006 si erano affiancati a Clessidra, a sua volta già presente nel capitale (a proposito di quotazioni e di roadshow, lunedì partirà quello italiano di Franklin Templeton, di cui abbiamo recentemente parlato).

A metà del 2008 il pacchetto era stato modificato, con riscadenziamento delle linee tra il 2014 e il 2016.

Per quanto concerne il rating del bond, Moody’s ha assegnato un giudizio preliminare di B1 per quanto concerne l’emissione, e B2 per quanto attiene la Gaming Invest sarl, la holding che guida la catena di controllo Sisal. Contemporaneamente all’emissione del bond – anticipava MF – sono state riscadenziate le linee di credito residuo al settembre 2017.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>