L’ultimo discorso di Bernanke fa volare i futures sull’oro

di Simone Commenta

L’oro ha raggiunto i suoi massimi degli ultimi due mesi, un rialzo favorito dal recente annuncio di Ben Bernanke, numero uno della Federal Reserve, circa i miglioramenti dell’economia americana: in pratica, è stata potenziata in maniera decisiva la domanda del prezioso metallo. Come ha specificato lo stesso Bernanke, gli indicatori di spesa, di produzione e delle attività lavorative sono risultate in maniera molto migliore rispetto al passato, dunque non si può che parlare di un buon impulso per quel che concerne l’ambito aureo. D’altronde, ogni volta che delle notizie economiche sono più incoraggianti rispetto alle attese, le commodities ne risentono in modo più che benefico.


Entrando maggiormente nel dettaglio finanziario, c’è da dire che i contratti futures relativi alle spedizioni di oro del mese di aprile sono cresciuti di 0,6 punti percentuali, attestandosi a quota 1,759 dollari l’oncia presso il Comex di New York. Lo scorso 2 dicembre, invece, era stato raggiunto un altro picco elevato, vale a dire 1,763 dollari. Tra l’altro, bisogna anche sottolineare come il metallo abbia fatto registrare un incremento di undici punti percentuali nel corso, il maggior rally dal 1983. Ma bisogna essere ancora più precisi in questo senso.

In effetti, l’oro è riuscito a trarre il massimo vantaggio anche dalla ricerca di un bene rifugio da parte degli investitori, i quali sono intenzionati a proteggersi seriamente dalle folate dell’inflazione, anche perché la Fed ha fatto sapere che l’outlook relativo alla prima economia mondiale rimane ancora incerto; di conseguenza, la speculazione dovrebbe spingere la banca centrale americana ad accrescere le misure di stimolo, in modo da far proseguire l’espansione. Per quel che concerne l’argento, invece, i futures relativi alle spedizioni di marzo sono aumentati di 1,1 punti percentuali, con una quota complessiva di 34,175 dollari l’oncia, il livello più alto degli ultimi tre mesi. Infine, buoni progressi sono stati fatti segnare dal platino e dal palladio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>