Le Obbligazioni

di Redazione Commenta

Screenshot_107Le obbligazioni o bond, sono titoli di debito emessi da società o enti pubblici. Rappresentano un prestito che l’acquirente fa all’emittente.
L’acquirente, che prende il nome di obbligazionista, otterrà un interesse e alla scadenza del titolo, (salvo che l’emittente non fallisca o si tratti di obbligazioni perpetue, cioè che non scadono mai), riavrà indietro il capitale prestato.

L’interesse può essere pagato:
• Sotto forma di cedola periodica (il caso più comune):
• Facendo pagare l’obbligazione a un prezzo inferiore rispetto al valore di rimborso (i cosiddetti zero coupon bond, come i BOT o i CTZ), in questo caso il rendimento deriva dal maggior valore di rimborso del titolo.

Le obbligazioni si possono distinguere in base al tipo cedole. Le tipologie più comuni sono:
• Obbligazioni a cedola fissa: la percentuale viene fissata al momento del prestito e rimane costante durante tutta la vita dell’obbligazione, questo è il caso dei BTP.
• Obbligazioni indicizzate o “floater”: le cedole sono variabili, legate ai tassi d’interesse, che variano giornalmente, o all’inflazione. Molto spesso a questo tasso viene aggiunto un importo fisso “spread” o margine.
• Obbligazioni “step-up” o “step-down”: l’importo è predeterminato, ma sale o scende durante la vita dell’obbligazione (es. il 3% il primo anno, il 3,20% il secondo, ecc..).

Le cedole possono essere pagate con diverse periodicità, annuali, semestrali, trimestrali.
Le obbligazioni possono essere classificate anche in base all’emittente. Le tipologie più comuni sono:
• Obbligazioni governative (o Titoli di Stato): vengono emesse da Stati Sovrani, e servono per finanziare le attività dello stato, sui loro movimenti di prezzo è possibile fare trading con i Contratti per Differenza CFD.
• Obbligazioni sovrannazionali: sono emesse da enti sovranazionali, come ad esempio la Banca Mondiale, che si fanno prestare denaro per progetti di sviluppo o per offrire aiuto ad aree in difficoltà.
• Obbligazioni di enti locali: emesse da Comuni, Regioni, Province che raccolgono fondi prevalentemente per finanziare l’attività amministrativa e di sviluppo locale.
• Obbligazioni bancarie: emesse da banche, per raccogliere denaro da utilizzare per erogare credito o per effettuare altre operazioni finanziarie.
• Obbligazioni Corporate o societarie: emesse da grandi aziende, per finanziare le loro attività d’impresa.

Prima di concludere questa breve introduzione alle Obbligazioni o per dirla all’Inglese Bond, è fondamentale sottolineare che non tutte le obbligazioni hanno lo stesso rischio e, di conseguenza no tutte hanno le stesse prospettive di rendimento. Quanto più alto è il rendimento, tanto più alto sarà il rischio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>