Grande attesa per l’obbligazione in dollari di Lenovo

di Redazione Commenta

Spread the love

Lenovo Group, compagnia cinese celebre per i suoi prodotti tecnologici, ha annunciato proprio nel corso della giornata di ieri l’emissione del suo primo titolo obbligazionario denominato in dollari americani: il colosso di Pechino ha intenzione di raggranellare il maggior numero di fondi per venire incontro alle esigenze del capitale lavorativo, ma anche per le potenziali acquisizioni che potrebbero essere concluse nel corso dei prossimi mesi. Quali sono le caratteristiche principali dello strumento finanziario in questione?

Anzitutto, c’è da sottolineare come il gruppo si impegnerà a incontrare gli investitori in tre tappe fondamentali, vale a dire quella di Hong Kong, quella di Singapore e quella di Londra, a partire da lunedì prossimo. L’intento di tali meeting è ovviamente quello di far sentire il brand più vicino alle persone e di sciogliere tutti i dubbi e le perplessità che potrebbero essere sorte. Per quel che concerne le dimensioni (dunque l’importo complessivo in termini di denaro) e la quotazione vera e propria non si conoscono ancora i dettagli precisi, ma verranno determinati e precisati quanto prima. Il comunicato ufficiale a cui si può fare riferimento per ora è quello che ha reso nota la collaborazione con due banche importanti come Credit Suisse e Goldman Sachs, entrambe incaricate di gestire e coordinare la vendita di cui si sta parlando.

La sottoscrizione, poi, sarà una competenza di altri istituti di credito di fama internazionale, vale a dire Bnp Paribas, Hsbc, Mitsubishi Ufj Securities, Mizuho Securities, Royal Bank of Scotland e Standard Chartered, un coinvolgimento davvero ampio. Lenovo sta guardando con sempre maggiore interesse al continente europeo: in effetti, è notizia di qualche giorno fa il lancio degli smartphone in questione per quel che concerne il 2014, una novità che coincide con l’ottimo anno fiscale registrato nel 2012, il migliore di sempre per la precisione (quasi trentaquattro miliardi di dollari dal punto di vista dei ricavi).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>