EuroMot: da domani tre prestiti della Bei

di Redazione Commenta

Banca Europea degli Investimenti e Borsa Italiana, il legame continua ad essere molto stretto. L’istituto comunitario che ha sede a Lussemburgo ha affidato al segmento EuroMot del Mercato Telematico delle Obbligazioni l’emissione di tre titoli obbligazionari che meritano di essere approfonditi (vedi anche La Bei mantiene l’Italia tra le priorità dei suoi finanziamenti). Entrando maggiormente nel dettaglio di queste novità, disponibili a partire da domani, bisogna dire che si tratta dei prestiti “EIB EUR 5,000,000,000 1 per cent. EARNs due 13 July 2018” (il codice Isin è XS0878567394), “EIB $ 5,000,000,000 0.625% Notes Due 2016” (US298785GB69) e “EIB USD 1,250,000,000 1.625 per cent. Bonds due 16 March 2020” (XS0888089082).

Le caratteristiche sono intuibili già da queste denominazioni, ma vale la pena parlarne meglio. Anzitutto, i termini di liquidazione sono stati fissati al terzo giorno successivo alla data di stipulazione dei contratti di compravendita. Nel primo caso, si tratta di un bond di durata quinquennale (la scadenza è prevista per il 13 luglio del 2018), con la denominazione in euro e un capitale azionario diviso in titoli di cinque miliardi. Il tasso dello strumento in questione è pari all’1%. Il rimborso a scadenza, come anche negli altri due prodotti, avrà luogo in un’unica soluzione. In aggiunta, c’è da precisare che per tutte e tre le obbligazioni la Bei ha deciso di puntare sul corso secco come modalità di negoziazione.

La periodicità della cedola sarà annuale. Nel secondo prestito, invece, la valuta di denominazione è il dollaro americano, mentre la scadenza è stata fissata nel 2016 (durata triennale dunque), con una cedola di 0,625 punti percentuali. Il terzo prestito obbligazionario, poi, prevede sempre la moneta verde come valuta di riferimento, ma anche la durata più lunga, sette anni per la precisione (la scadenza che si può leggere nella denominazione è il 16 marzo del 2020). Questi ultimi due bond, inoltre, differiscono dal primo per il fatto che la periodicità della cedola non è annuale, ma semestrale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>