Dividendo Ubi Banca

di Redazione Commenta

Ubi Banca non vuole tradire le abitudini, e punta – anche in tempi difficili – a premiare i suoi azionisti con la cedola. “Abbiamo sempre detto che nella storia delle banche che compongono il nostro gruppo si paga il dividendo consecutivamente da ormai 140 anni” – ha infatti affermato l’amministratore delegato di Ubi Banca, Victor Massiah, durante un recente evento – “Faremo ogni sforzo per non rompere la tradizione”.

A margine dello stesso evento milanese Massiah ha poi voluto compiere un rapido punto sulle sofferenze sui crediti del gruppo, ricordando che “non direi che sono preoccupanti, anche se siamo su livelli severi” (vedi anche Mot: dal 2 gennaio la nuova obbligazione di Ubi Banca).

Per quanto invece concerne la situazione economica generale, il manager della banca ha affermato come appaiano “ragionevoli le previsioni tracciate dall’Ufficio studi di Bankitalia, secondo le quali soffriremo ancora nei primi due trimestri dell’anno per poi vedere un piccolo rimbalzino verso fine 2013. Francamente ritengo che sia una previsione ragionevole e per la quale facciamo il tifo. Dopo sette anni, ci piacerebbe tanto vedere qualcosa di positivo”.

Sul fronte del gruppo, Massiah ha poi dichairato che ci sarebbe molta liquidità, e che pertanto non c’è necessità di impiegare la prima finestra utile per il rimborso dell’Ltro, il maxi impiego a basso tasso predisposto dalla Bce. “Oggettivamente” – ha poi concluso – “resta conveniente per una banca italiana l’arbitraggio allo 0,75% di costo, quindi in questo momento non prevedo alcun rimborso”. In un momento come questo, ha altresì disposto il banchiere, “la nostra banca sarebbe comunque in grado di rimborsare tutto ciò che aveva preso” (vedi anche Ubi Banca lancerà domani un bond sul Domestic Mot).

Insomma, dalle parole del top manager banchiere, sembra proprio che i tempi siano quelli più sereni per gli azionisti di Ubi Banca, i quali non dovranno preoccuparsi della corresposione di un dividendo. Una tradizione rispettata, per un titolo che anche nel recente passato non ha comunque privato gli stakeholders di qualche soddisfazione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>