Come investire i soldi in CCTeu

di Fil Commenta

Sono titoli pubblici italiani, a tasso variabile, con indicizzazione all’euribor, e staccano la cedola ogni sei mesi, quindi due volte l’anno. Stiamo parlando dei CCTeu, i Certificati di Credito del Tesoro indicizzati al tasso euribor; sono titoli di Stato acquistabili in asta, in base al programma di emissioni del MEF, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, oppure acquistabili, ma anche vendibili, post-emissione, sul MOT, il Mercato Obbligazionario Telematico organizzato e gestito da Borsa Italiana S.p.A. I CCTeu sono stati introdotti di recente dal Tesoro in sostituzione ai CCT, i Certificati di Credito del Tesoro che, invece, risultano essere indicizzati, per quel che riguarda i rendimenti, all’andamento dei tassi offerti dai Bot, i Buoni ordinari del Tesoro. L’investimento nei CCTeu, al pari di Bot, Cct, Btp e Ctz, gode della garanzia massima, quella dello Stato italiano.

Attualmente sul MOT sono quotati due CCTeu, il Cct-Eu 15Dc15 Euribor 6M+0,80% ed il Cct-Eu 15Ot17 Euribor 6M+0,80%, rispettivamente con codice ISIN IT0004620305 e IT0004652175. Come si evince dalle sigle, le due emissioni pagano una cedola pari all’andamento del tasso euribor con scadenza a sei mesi più uno spread pari allo 0,80%. La prossima cedola, per il il Cct-Eu 15Dc15 Euribor 6M+0,80%, è già stata determinata ed è pari all’1,04%, mentre per il Cct-Eu 15Ot17 Euribor 6M+0,80%, allo stesso modo, la cedola è stata determinata ed è pari invece in questo caso all’1,016%.

A fronte di questa nuova categoria “europea” di CCT, i “vecchi” CCT, ovverosia quelli emessi in passato, restano chiaramente quotati regolarmente sul Mercato Obbligazionario Telematico (MOT) e continuano ad avere una liquidità tale che, per i risparmiatori interessati, si possono negoziare in acquisto o in vendita senza problemi. I vecchi CCT, per chi li possiede, infatti, continueranno a pagare le cedole a fronte, a scadenza, del rimborso del capitale investito alla pari, ovverosia a 100.

Per quanto riguarda il tasso fisso invece?

Se la preferenza del risparmiatore è invece orientata al tasso fisso, le emissioni di interesse riguardano Bot, Btp e Ctz, che rispondono ad una richiesta legata ad un profilo di rendimento meno variabile nel tempo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>