Settore bancario e Piazza Affari: il punto

di Daniele Pace Commenta

banche-crisi-liquiditàGli investitori e gli analisti mettono sotto la lente d’ingrandimento il settore bancario italiano, che ha molto sofferto la crisi dello spread.

Lo spread italiano è stato il protagonista, negativo, delle ultime due settimane. E il settore bancario, pieno di titoli, è andato sotto pressione.

I tagli al rating delle banche

Così sono scesi anche i giudizi degli analisti. JP Morgan ha proceduto con i downgrade di molte della maggiori banche italiane. Abbassato infatti il target price di Unicredit, Intesa Sanpaolo, Banco Bpm e Ubi Banca.

Banco Bpm è quello che aveva sofferto di più, e il suo target price scende a 2,9 euro, per la grande banca americana.

Per Unicredit, il target price scede a 21 euro, mentre per Intesa Sanpaolo vede scendere l’obbiettivo del prezzo a 3,3 euro. Infine Ubi Banca, con aggiornamento al ribasso a 4,2 euro.

La sofferenza continua a Piazza Affari, per tutte le banche. In particolare il settore bancario viene influenzato da nuove voci che vorrebbero una fusione tra Generali e Unicredit.

La maggior parte dei titoli è in ribasso. Il titolo Bper Banca perde il 2,44%, Ubi Banca il 2,23% e Banco Bpm il 2,08%.
Unicredit invece perde lo 0,5% e Intesa Sanpaolo gira in parità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>