Goldman Sachs: i mercati sveglieranno l’Italia

di Valentina Cervelli Commenta

Secondo Goldman Sachs non ci sono dubbi: saranno i mercati a svegliare l’Italia dal suo atteggiamento distruttivo spingendola a cambiare la rotta in materia economica. La vera domanda da porsi è: si sarà in tempo per rimediare?

Nel loro report dedicato gli esperti di Goldman Sachs non si azzardano a fare previsioni in tal senso limitandosi, senza troppi giri di parole, a dipingere una verità che farà male alla nostra economia. L’atteggiamento dell’Esecutivo italiano per ciò che concerne la manovra porterà danni alla stabilità finanziaria europea se non si prenderanno le giuste precauzioni in tal senso e si dovesse continuare con questo atteggiamento di chiusura.

L’agenzia, spiegando la situazione, parla senza mezzi termini di una “nube scura” che colpirebbe inevitabilmente i mercati sottolineando come “le cose potrebbero dover peggiorare prima di vedere un miglioramento“.

Il report redatto da Goldman Sachs, è innegabile, è abbastanza scettico sulla capacità di Bruxelles o Roma di trovare un punto di incontro sulla legge di bilancio. E per ciò che riguarda la manovra gli analisti dell’istituto “si aspettano che il più probabile catalizzatore per un ritorno alla disciplina di bilancio sia un’ulteriore pressione dei mercati“: solo in quel momento, spiegano, “una volta che la nebbia si sarà diradata vediamo diverse ragioni per rimanere strategicamente costruttivi“.

L’Italia viene considerata da molti esperti tra i “rischi” che l’Europa dovrà affrontare per mantenere una stabilità economica seria, soprattutto perché i mercati potrebbero risentire molto nel 2019 delle conseguenze di un atteggiamento errato, “con la crisi di bilancio che rimane irrisolta e l’economia italiana che ci aspettiamo ‘flirterà’ con la recessione all’inizio del prossimo anno“, abbattendo di molto la crescita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>