Fondi ibridi: flussi da record grazie ai titoli azionari

di Simone Commenta

Il capitale a disposizione dei fondi mutualistici è aumentato in maniera consistente in questi ultimi giorni, in particolare per quel che concerne quegli strumenti che acquistano sia azioni che obbligazioni: si tratta di un segnale importante per i cosiddetti fondi “ibridi”, visto che sottintende la volontà degli investitori di tornare al mercato azionario dopo la forte volatilità registrata nel segmento, la più alta dal 1942. I nuovi flussi di denaro cash ammontano a 18,6 miliardi di dollari, un dato che riferisce all’ultimo trimestre. In pratica, la gente sta richiedendo con forza nuovi titoli, dopo che l’indice Standard & Poor’s 500 ha più che raddoppiato la propria quotazione dal mese di marzo del 2009. La crisi del debito sovrano che si registra in Europa e i crescenti prezzi del petrolio sono i principali responsabili della volatilità accennata poc’anzi, tanto che in molti si sono spinti a limitare gli acquisti in tale direzione.


Entrando maggiormente nel dettaglio statistico, c’è da dire che l’indice americano ha perso 0,6 punti percentuali, attestandosi a quota 1.319,68 punti la scorsa settimana, dato che le vendite relative ad Alcoa, il maggior produttore americano di alluminio, hanno convinto gli analisti a modificare le loro proiezioni. Goldman Sachs e Apple fanno parte anch’esse del vasto elenco di compagnie che beneficeranno di risultati importanti; i fondi ibridi sono riusciti pertanto ad assorbire ben 1,24 miliardi di dollari nella settimana che si è conclusa lo scorso 6 aprile, con i titoli obbligazionari che sono riusciti a conseguire oltre cinque miliardi.

Gli ibridi comprendono fondi bilanciati e flessibili, con delle composizioni molto variabili. Secondo Adrian Zuercher, analista presso Credit Suisse, gli investitori sono stati notevolmente traumatizzati dalle azioni e hanno cominciato a focalizzarsi su un approccio che fosse più bilanciato; dato tutto il denaro che è stato immesso nei bond governativi, presto o tardi vi sarà un ritorno in grande stile anche verso tali titoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>