Telecom Italia: entra in gioco la Elliott Management

di Valentina Cervelli Commenta

Vivendi non avrà pace a breve: è infatti entrata in campo per ciò che concerne Telecom Italia la Elliott Management, la quale sembra essere interessata a mettersi contro la società francese per ciò che riguarda la gestione dell’azienda italiana.

La società fondata da Paul Singer ha infatti acquistato il 6% delle azioni di Telecom, entrando a pieno diritto tra gli interlocutori con diritto di voto e capacità di presentare il proprio piano industriale da sottoporre al cda. Come rivelato anche da Repubblica, la Elliott avrebbe proprio questa intenzione, tentando un contrasto attivo nei confronti dell’azienda francese che possiede al momento il 23,9% di Telecom. E’ importante non sottovalutare quel 6% del capitale appena acquisito  Esso consente di poter ribaltare l’assetto societario se il piano industriale presentato dovesse essere di un certo appeal per gli investitori che detengono al momento il 40% del capitale e che hanno mostrato una certa insofferenza per l’operato francese. Che si stia tentando di eliminare il “monopolio” di Vivendi all’interno dell’azienda?

Quel che è certo al momento è che a livello tecnico le azioni acquistate permettono al nuovo socio di essere rilevante all’interno del cda nella nomina dei consiglieri essendo il quorum per la presentazione di liste posto al 5%. Ma cosa potrebbe accadere? Al momento l’idea di Elliott Management dovrebbe essere quella di presentare un piano che comprende, tra le altre cose, lo sfruttare appieno le potenzialità di un area come quella del Brasile dove Telecom Italia controlla il secondo operatore mobile, ovvero Tim Participacoes.

Concludendo: tenere gli occhi aperti potrebbe rivelarsi interessante nei prossimi mesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>