Cosa è il Bitcoin e quali sono le differenze con le altre criptovalute

di Redazione Commenta

Il Bitcoin, anche conosciuto con il suo acronimo BTC, è una valuta digitale. Rientra tra quelle che vengono definite le criptovalute. Questa moneta digitale è creata elettronicamente e non è controllata da nessun governo o banca centrale. La gestione di questa moneta digitale si basa su un complicato algoritmo che determina il valore del Bitcoin quando viene creato e la quantità  di valuta in circolazione.

Diversamente dalle altre monete fiat come l’euro, la sterlina o il dollaro, il Bitcoin non è stampato e il suo valore non è collegato all’andamento dell’economia. Anche se la produzione dei Bitcoin è in mano alla gente, il suo creatore che si nasconde dietro lo pseudonimo di Satoshi Nakamoto, ha stabilito la quantità massima di BTC che verranno messi in circolazione ad un massimo di 21 milioni. Questo significa che quando questa soglia verrà raggiunta non ci saranno più Bitcoin disponibili.

A tutto oggi, persone comuni e aziende producono Bitcoins attraverso tecnologie sofisticate e potenti sistemi computerizzati. Quello che rende questa moneta digitale degna di nota è il fatto di essere facilmente trasferibile, completamente anonima e di avere costi di commissioni sulle transazioni bassissimi

Perché il BTC è diverso dalle valute tradizionali e dalle altre monete digitali?

Innanzitutto, nessuno stampa I BTC . È una moneta digitale. Per poterla conservare bisogna salvarla sul proprio hard drive o, cosa più consigliata, utilizzare dei portafogli digitali per Bitcoins. La quantità minima di BTC che è possibile scambiare è di un Satoshi, che corrisponde a 1/100,000,000 di Bitcoin.

Il BTC non ha un valore intrinseco. Le monete classiche basavano il loro valore su metalli preziosi come l’oro e l’argento. In tempi passati era possibile recarsi in banca con dei dollari o delle sterline e chiedere in cambio la quantità corrispondente di oro o argento. Questo non è assolutamente possibile con i BTC in quanto il loro valore viene determinato solamente da una formula matematica. I software che applicano questa formula matematica sono open-source ed è quindi piuttosto semplice garantire la trasparenza, la funzionalità e l’integrità di tutto il processo.

Le differenze quindi tra BTC e le valute comuni sono sostanziali e includono il totale anonimato, l’assenza di burocrazia, l’essere scollegata da un’autorità centrale come banche o governi, la trasparenza, le spese di commissione bassissime e la velocità con cui le transazioni vengono eseguite.

Anche le differenze tra i Bitcoin e le altre valute digitali come il Litecoin sono significative. I BTC sono stati creati nel 2009 con l’obiettivo di diventare la moneta digitale di riferimento. La differenza più importante tra Bitcoin e Litecoin sta nell’algoritmo che viene utilizzato per crearli.

Il Litecoin utilizza Scrypt come algoritmo di mining mentre il BTC utilizza l’algoritmo SHA2. L’utilizzo di Scrypt rende molto più facile produrre i Litecoin. Non occorrono infatti tecnologie avanzate ma si possono produrre Litecoin anche su computer normali utilizzando le GPU più diffuse. La maggiore facilità di produzione incide però sul prezzo della valuta che è inferiore a quello del BTC. Scrypt è inoltre un algoritmo meno diffuso rispetto a SHA2 e anche meno controllato. Alcuni analisti hanno infatti sollevato dei dubbi in merito alla sicurezza di questo sistema crittografico. È generalmente assodato che il Bitcoin sia una valuta digitale più sicura del Litecoin.

Altra differenza importante fra le due valute digitali è la quantità delle stesse in circolazione. Come menzionato in precedenza la produzione di BTC  si fermerà una volta raggiunti i 21 milioni di unità mentre per il Litecoin questo limite è stato stabilito in 84 milioni di unità.

Dove si comprano e vendono I BTC?

Il Bitcoin può essere acquistato o venduto attraverso diversi siti online. Prima di procedere con l’acquisto occorre munirsi di un portafoglio digitale su cui conservare la valuta. Questi si possono trovare on-line e sono compatibili con i principali sistemi operativi. Al momento non esistono assicurazioni per proteggere questi portafogli digitali.  In alternativa la moneta può essere conservata su portafogli digitali portatili o servizi di iCloud.

Al giorno d’oggi esistono moltissimi siti che accettano i Bitcoin come forma di pagamento fra cui anche colossi del calibro di Amazon e Expedia. I BTC stanno diventando una forma popolare di pagamento anche per l’acquisto di connessioni VPN grazie proprio alla loro caratteristica di totale anonimato. In alternativa, la moneta digitale può essere scambiata anche a livello personale tra singoli utenti.

A momento il mercato dei BTC non è regolamentato ma si stanno muovendo i primi passi in questa direzione. Visto il successo della moneta digitale, molti governi cominciano ad esprimere preoccupazione per eventuali frodi, riciclaggio di denaro sporco e tassazione e si stanno perciò operando per poter creare una regolamentazione al riguardo.

Il prezzo attuale del BTC è di $1.130,15, molto vicino alla quotazione dell’oro a $1239,80 l’oncia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>