Bond Exor, perché rende meno dei Btp?

di Redazione Commenta

L'emissione, avvenuta con largo anticipo e annunciata in concomitanza con l'avvio del buy back, attira il mercato con richieste per oltre 2 miliardi.

Con un ottimo anticipo, arriva l’emissione del bond Exor. L’annuncio è stato dato in contemporanea con l’avvo del programma buy back. Il mercato ha subito risposto positivamente, con richieste per un totale di due miliardi. I tassi sono ai minimi storici e, come è noto, gli investitori sono alla ricerca di guadagni sicuri. Ma il Bond decennale rende meno dei Btp? Perché?

La durata della nuova obbligazione è di dieci anni, e l’importo di 500 milioni. La scadenza è fissata a giorno 8 ottobre 2024 con cedola al 2,5%. Il bond Exor è stato prezzato a reoffer 99,329, per un rendimento effettivo del 2,577%, uguale ad un premio di 148 punti base sopra il tasso midswap.

A seguito dell’apertura del book, il rendimento è stato indicato in aera 150pb a differenza di quanto previsto inizialmente quando il bond era stato collocato in area 160.

Facendo i conti, il nuovo bond ha un rating BBB+ secondo Standard & Poor’s, nonché un out look stabile. Il suo rendimento è di pochissimo superiore a quello del BTP decennale. per l’esattezza la percentuale è del 2,32%. Tuttavia, il nuovo bond rende molto meno rispetto al BTP se si considera l’imposizione fiscale. Essa è fissata al 26% mentre per i titoli di stato si attesta al 12,50%.

Nello specifico, il bond paga 20-25 punti base sopra il BTP a dieci anni per effetto di una cedola al 3,75%. Gli operatori spiegano che il bond, di proprietà della Holding della famiglia Agnelli, conta sugli introiti di ques’ultima e nello specifico sui dividendi delle società partecipate quali ad esempio il gruppo Fiat Chrysler che ha un asset del 30% e un rating high yeld. Per tale ragione, gli investitori desiderano un rendimento che possa essere leggermente superiore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>