Azioni e dividendi: gli investitori valutano il rendimento

di Simone Commenta

monitor-azioni-italiaSpesso può sorgere il dubbio circa il particolare andamento di certi titoli azionari e il loro rendimento: gli investitori possono allora chiedersi il motivi di tali performance borsistiche, ad esempio il perché questi titoli, pur beneficiando di alti dividendi, vengano poi disdegnati. Un caso concreto e molto attuale è quello del titolo Acea, azienda che non è in alcun modo sul punto di fallire o di rischiare la bancarotta: il prezzo delle azioni è in continuo calo, ma, ciò nonostante, gli investitori non hanno aderito in massa. Si tratta di un comportamento finanziario abbastanza comprensibile. In effetti, quando si va a calcolare il cosiddetto “dividend yield” di una determinata azione, vale a dire il suo rendimento offerto dal rapporto tra la cedola del titolo e il suo prezzo, è molto importante sapere anche qual è l’anno di riferimento di ciò su cui si va a investire: il dato temporale è fondamentale proprio perché ci sono dei casi in cui tra un anno e un altro potrebbero essere incorse delle significative differenze per quel che concerne i termini dell’utile netto.

 

Quando ci troviamo di fronte a un importante calo degli utili che coinvolge molte industrie, è infatti poco probabile che il dividendo che è maturato nel 2009 e che dovrà essere pagato nel 2010 possa essere identico a quello che è maturato nel 2008 e che è stato pagato nel 2009. Come adeguarsi allora in questo caso? Se il raffronto con il prezzo è stato effettuato con il dividendo di riferimento dell’anno precedente, potrebbero emergere dei rendimenti molto alti, i quali non sono più realistici a fronte del nuovo dividendo, che può, in alcuni casi, essere penalizzato da un risultato non così brillante.

 

Per risolvere tale problema, si può provvedere a fare nuovamente il calcolo, usando però i dividendi prospettici del titolo, visto che le stime di questi ultimi sono reperibili mediamente sui principali siti che si occupano di finanza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>