Dopo Ponte Morandi crolla anche il titolo Atlantia, controllore di Autostrade

di Daniele Pace Commenta

 Il controllore di Autostrade, Atlantia, paga caro il crollo di Ponte Morandi. In apertura, questa mattina, il titolo cade subito del 21%, e ora (10:30 CEST) perde oltre il 25%, con un prezzo di 17,59 euro per azione, dal prezzo di partenza di 23,54 euro.

Un crollo annunciato, dopo le dichiarazioni politiche a seguito del disastro del ponte della A10 di Genova.

Il futuro del titolo

Il titolo di Atlantia ha un futuro decisamente nero. Chiaramente, dalle dichiarazioni politiche, ai fatti, ci sarà tempo e non sappiamo ancora se il Governo toglierà la concessione ad Autostrade per l’Italia.

Intanto è eccesso di ribasso. Verso le 9 il titolo ha smesso di fare il prezzo. Contrattazioni ferme e ora si ricomincia a scendere.

Il Governo ha chiesto le dimissioni dei vertici aziendali, ha annunciato il ritoro della concessione e una maxi multa di 150 milioni di euro. Ma allo stesso tempo, lo spread è schizzato in alto, a 290 punti.

Questo perché il contratto prevede delle penali. Il ritiro della concessione, secondo alcuni analisti, potrebbe costare anche 10 miliardi. Intanto, da Autostrade, fanno sapere che in caso di ritiro, all’azienda spetterebbe il valore residuo della concessione.

Per il momento Atlantia paga caro il crollo del ponte, con una perdita di capitalizzazione pari a 4,5 miliardi di euro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>