Tim e Enel sempre osservate speciali a Milano: Carige chiede 2 mld

di Daniele Pace Commenta

BANCA CARIGESi segnala una giornata all’insegna dell’attesa, a Milano, con i titoli Tim e Enel da tenere d’occhio. La settimana si apre con nuovi intoppi tra Cina e Usa, e stavolta riguarderebbero i prodotti agricoli. Wall Street aveva comunque chiuso la settimana scorsa in rialzo, grazie alle voci che vedevano la Cina offrire agli Usa l’occasione irripetibile di annullare il suo disavanzo commerciale con Pechino, tramite maxi acquisti di prodotti, entro il 2025.

A Milano oggi

Questa mattina anche Tokyo ha chiuso in positivo (+0,25%), ed è probabile che le borse europee tengano un atteggiamento rialzista, anche se prudente. A Milano sotto osservazione ci sono Enel e Tim. Per Enel possibilità di forte volatilità, oggi che l’azienda staccherà le cedole dei dividendi. Probabilmente le prese di profitto penalizzeranno il titolo. Per Tim invece, si aspetta un rimbalzo, per recuperare le perdite di venerdì scorso, ma il titolo inizia male, con un -0,72% in apertura. Venerdì aveva subito un doppio downgrade di target price, e questa mattina non sembra poter rimbalzare.

Intanto Banca Carige chiede 2 miliardi di garazie statali per i suoi bond. La banca tenta due emissioni obbligazionarie da 12 e 18 mesi, sfruttando il Decreto Legge numero 1 del 2019 che le garantisce fino a 3 miliardi di garanzie.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>