Bonds Grecia: cosa sta succedendo? Spread ai minimi

di Daniele Pace Commenta

 Bonds Grecia e il paradosso dei minimi storici per lo spread, con un rendimento del 3,3%. Una situazione definita paradossale da molti analisti, con lo spread tra le obbligazioni elleniche e quelle tedesche che si riduce sempre di più. In questo modo, Atene ha raccolto 2,5 miliardi di euro solo a marzo, quando il rendimento era del 3,9%. I bonds preferiti per dalla Grecia sono i decennali.

Rendimenti al di sotto del costo?

La novità, per la Grecia, è la grande liquidità che ora c’è nel paese. I bonds greci, suddivisi in BTp e “sirtaki” bond, stanno cercando i rendimenti. I BTp si stanno alzando di prezzo, anche grazie alla liquidità che, secondo le stime, dovrebbe aggirarsi a quasi 50 miliardi. Molto denaro, che è il 20% del Pil ellenico, che permetterà al paese di non chiedere più prestiti. La situazione è tornata positiva, sia per il bilancio dello Stato che per il finanziamento, visto che non c’è più la corsa al bond, ovvero non serve più vendere tanti titoli sul mercato.

La soluzione scelta dunque è la vendita di T-bills a breve scadenza (entro l’anno) per circa 14 miliardi di euro l’anno. Non perché allo stato servisse finanziarsi, quanto piuttosto per aumentare la liquidità, e far fronte senza patemi ai prestiti concessi dalla Troika.

Questo sta facendo ridurre i rendimenti dei titoli greci, consentendo a Tsipra di pagare meno interessi sul debito. Ma soprattutto consente alla Grecia di evitare finanziamenti sul mercato per almeno 3 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>