L’investimento in azionariato secondo Btcbot24

di Redazione Commenta

Per un investitore l’azionariato rappresenta uno degli strumenti più potenti per guadagnare sul capitale investito. Con le soluzioni proposte da Btcbot24 Investire in titoli azionari significa garantirsi ottime azioni con lo scopo di ottenere un profitto sul capitale investito. Ciò implica che è possibile acquistare una parte del capitale societario con la previsione che il prezzo delle azioni salga e generi una plusvalenza. 

L’attività di investimento in titoli azionari può comportare dei rischi non indifferenti, soprattutto per i piccoli investitori, che sono maggiormente a rischio di perdere capitali. Ma allora investire in titoli azionari non è una buona idea? Assolutamente no: i mercati azionari possono generare profitti elevatissimi e non sono preclusi ai principianti. 

Investire nell’azionariato attivo significa interagire con la società al fine ultimo di influenzare la condotta futura in relazione a questioni di sostenibilità. Mediante un confronto costante è possibile conoscere l’azienda e chiedere al management di adottare nuove prassi. 

Investire in azionariato attivo: quali sono i 4 ingredienti? 

Sono quattro gli ingredienti per un azionariato attivo: knowledge, networking, impatto ed incentivi. Oltre a fare leva sulle competenze del team, è importante tenere conto delle prospettive dei gestori del portafoglio. Per comunicare i progressi dell’azionariato attivo è bene redigere report sui base trimestrale. 

Investire in titoli azionari: cosa sono?

Un’azione rappresenta la quota del capitale di un’azienda quotata. Gli investitori/azionisti ricevono i dividendi. Per questo, le aziende quotate sono tenute a presentare un bilancio con gli utili generati nel periodo. L’azienda può decidere se distribuire in tutto o in parte gli utili aziendali ai suoi azionisti sotto forma di dividendo. I titolari di azioni privilegiate o di azioni di risparmio ricevono una quota di utile maggiore. 

I proprietari dei titoli azionari hanno diritto di partecipare alla direzione aziendale, con un diritto di voto proporzionale alla quota posseduta. Chi è titolare di un titolo azionario ha la possibilità di guadagnare con il dividendo distribuito semestralmente o al momento di rivendere il titolo azionario, il cui valore abbia subito un incremento. 

Il prezzo dei titoli azionari dipende anche dal trend della performance aziendale: nel caso in cui generi utili, la quotazione cresce. Se l’azienda va in perdita, allora il prezzo scende. Diversi fattori influenzano il prezzo di un titolo azionario, tra cui le scelte del Governo e l’andamento del sistema Paese. 

Investire in azioni: come fare? 

La modalità più diretta per investire in azioni è acquistare i titoli azionari. Si tratta di un metodo piuttosto oneroso in quanto le piattaforme applicano commissioni onerose. Il migliore modo per fare un investimento azionario è utilizzare strumenti derivati che consentono guadagni sia quando il prezzo dell’azione sale sia quando il prezzo dell’azione scende. Tuttavia, chi opera con strumenti derivati perde il diritto di partecipare alle assemblee societarie. Gli strumenti che godono maggiormente dell’apprezzamento degli investitori sono i CFD (Contratti Per Differenza).

Come acquistare azioni in banca? 

La banca è sicuramente uno dei canali più utilizzati per acquistare titoli azionari. Se si desidera acquistare azioni in banca è necessario rivolgersi alla filiale bancaria presso la quale si ha il conto corrente ed è possibile chiedere una consulenza finanziaria specifica. Lo stesso consulente deve essere pronto a vendere i titoli azionari una volta che si decide di venderle. 

Dove conviene investire

Attualmente gli asset più interessanti sino legati al mercato azionario Usa S&P500, in particolare alla potenziale crescita di azioni Amazon / Tesla e delle tante imprese a stelle e striscie che riescono a muoversi dinamicamente sul mercato in maniera efficace.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>