Airbus e Boeing. Dopo l’incidente le azioni iniziano a divergere

di Daniele Pace Commenta

Boeing 737 MaxI due colossi della produzione di aerei, Airbus e Boeing, iniziano a vedere i prezzi delle loro azioni divergere, a causa dell’incidente che ha coinvolto gli americani di Seattle. I fatturati girano sulle stesse cifre, ma l’incidente in Etiopia ha lasciato il segno sulla Boeing, che deve fare i conti con le misure restrittive al suo nuovo modello, che non può ancora volare. Dopo lo stop dei governi, iniziano ad arrivare anche le disdette alle commesse.

La situazione

Airbus ha dichiarato che non cercherà di approfittare della situazione, ma è indubbio che il blocco imposto ai 737 MAX ella Boeing cambierà il quadro industriale e le strategie commerciali delle due aziende. Anche non volendo avere dei vantaggi, Airbus non potrà certamente rifiutare nuove commesse da parte di chi non vuole più acquistare i nuovi 737, e dipenderà molto da quanto tempo occorrerà alla Boeing per risolvere i suoi problemi.

Per il momento, i vantaggi per la compagnia europea sono tutti sulle azioni, ai massimi storici, con un +40% per quest’anno, mentre la Boeing è scesa del 12%, dal 10 marzo, giorno del secondo incidente che ha coinvolto un loro 737 MAX.

Fino a quel momento, la Boeing aveva finalizzato un +14% in borsa da gennaio. Ma non è tutt’oro quel che luccica. Airbus potrebbe avere difficoltà ad evadere tutti gli ordini in più dovuti al calo della Boeing.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>