Vivendi cede 19,19% di azioni Mediaset a fiduciaria

di Valentina Cervelli Commenta

Vivendi cede 19,19% di azioni Mediaset ad una fiduciaria, mettendo in questo modo fine a parte dei “problemi” che ha con la società stessa. Sembra che la messa alle strette su Telecom abbia spinto i francesi a tentare di essere in linea con le richieste di legge in almeno uno dei suoi comparti di interesse.

Il fondo trust scelto è la Simon Fiduciaria e viene spontaneo chiedersi quali siano i possibili scenari che potrebbero aprirsi. La transazione, come riportato dall’Agcom in una nota è avvenuta ad inizio aprile. E nello specifico:

[Vivendi] ha comunicato di aver trasferito, in data 6 aprile 2018, alla società indipendente Simon Fiduciaria la titolarità di circa il 19,19% delle azioni di Mediaset (pari al 19,95% dei diritti di voto), mantenendo, di conseguenza, una partecipazione azionaria diretta inferiore al 10% dei voti esercitabili nell’assemblea degli azionisti di Mediaset.

In questo modo Vivendi ha recepito ciò che le si chiedeva di fare entro l’anno concesso in tal senso, ovvero di trovare un modo che le consentisse di adeguare la sua posizione all’interno del cda Mediaset. Si legge ancora nella nota:

Nella medesima data, Vivendi ha sottoscritto, con Simon Fiduciaria e il socio unico della stessa, Ersel SIM, un advisory agreement che, disciplinando in dettaglio le modalità di gestione delle azioni trasferite, stabilisce che i diritti amministrativi inerenti al pacchetto azionario saranno esercitati dal gestore in modo discrezionale ed autonomo da Vivendi in linea con quanto previsto nelle misure di ottemperanza.

L’Agcom  ha sottolineato che continuerà con le sue attività di sorveglianza nei confronti della società di Vincent Bollorè in modo tale da garantire onestà e perfetta trasparenza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

You may use these HTML tags and attributes: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>