Bond Astaldi 6 anni

 
robertor
26 gennaio 2013
Commenta

Astaldi ha lanciato un nuovo bond a 6 anni, da 100 milioni di euro. Un’operazione che – si legge nella nota che informava sulla transazione in questione – permetterà ad Astaldi di riservarsi la facoltà di regolare ogni conversione mediante pagamento per cassa o una combinazione di azioni ordinarie e cassa. L’importo da pagare dovrà essere versato dalla società in forza della Cash Settlement Option, sulla base del prezzo di quotazione delle azioni della compagnia alla data di riferimento.

Secondo quanto riportato da Borsa Italiana.it, “FIN.AST., quale azionista di maggioranza della Societa’ con oltre il 52% delle azioni ordinarie di Astaldi, ha espresso il proprio sostegno all’operazione di emissione delle obbligazioni equity linked, dichiarato di voler votare in favore dell’aumento di capitale a servizio della conversione e convenuto di assumere impegni di lock-up della durata di 90 giorni in linea con la prassi di mercato in operazioni similari. Gli ordini di sottoscrizione che pervengano da investitori qualificati che siano anche azionisti di Astaldi potranno ottenere un trattamento prioritario nel processo di allocazione. FIN.AST, in qualita’ di investitore qualificato, ha annunciato inoltre l’intenzione di sottoscrivere una quota del prestito obbligazionario fino all’importo massimo di 13 milioni” (vedi anche Astaldi: utile netto semestrale cresce in doppia cifra).

Per quanto attiene agli aspetti più tecnici, emissione alla pari per le obbligazioni, con cedola semestrale a tasso fisso annuo compresa tra il 4,125 per cento e il 4,625 per cento, pagabile il 31 gennaio e il 31 luglio di ogni anno. Prezzo di conversione comprensivo di un premio tra il 30 e il 35 per cento del prezzo medio ponderato per i volumi delle azioni scambiate in Borsa nell’arco temporale compreso tra il lancio e il pricing (vedi anche Ansaldo STS vince gara M4 Milano).

Le obbligazioni andranno poi collocate sul mercato non regolamentato Euro MTF. Coinvolte nella transazione Banca Imi, Bnp Paribas e The Royal Bank of Scotland plc agiranno in qualita’ di Joint Bookrunner e Joint Lead Manager.

Lista Commenti
Aggiungi il tuo commento

Fai Login oppure Iscriviti: è gratis e bastano pochi secondi.

Nome*
E-mail**
Sito Web
* richiesto
** richiesta, ma non sarà pubblicata
Commento